Terzo settore, Iva ‘pesante’ sui servizi socio-sanitari

  • 22 Marzo 2019
  • Il Sole 24 Ore – Walter Pangherz e Michele Pannia

Con l’entrata in vigore delle nuove regole per il Terzo settore trova applicazione, quasi sempre, l’Iva ordinaria al 22% per le prestazioni effettuate dalle imprese sociali. Per le prestazioni socio sanitarie gli enti che svolgono attività istituzionale con costi uguali o superiori alle relative entrate potranno trovare accoglienza come ente del Terzo settore di natura ‘non commerciale. Invece, qualora i corrispettivi superino i relativi costi di erogazione delle prestazioni, l’ente sarà qualificato come ente di terzo settore di natura ‘commerciale’, fatta salva la possibilità di trasformarsi in impresa sociale. L’iscrizione a una delle sezioni del Registro unico nazionale produce effetti rilevanti sul trattamento Iva delle prestazioni rese. Mentre per le cooperative sociali si continuerà ad applicare l’Iva al 5%, per le prestazioni sanitarie e socio-assistenziali il Codice del Terzo settore garantisce l’esenzione da Iva solo agli enti di natura non commerciale e agli enti, diversi dalle imprese sociali, che svolgono attività in modo gratuito o con corrispettivi che non superano i costi effettivi.


questo articolo si trova a pagina 24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.